Tiro Rapido, un Giallo in 550 minuti

di Gialli.it 14 ottobre 2009

Scrivere un racconto giallo in 550 minuti. Per trovare i 14 aspiranti giallisti da portare in finale a Milano, il concorso itinerante Tiro Rapido ha dato il via alle selezioni l’8 aprile partendo dalla città  di Treviso e spostandosi, successivamente, in sette città italiane. Ad ogni eliminatoria sono stati selezionati due racconti vincitori. L’ultima gara si è tenuta lunedì 12 ottobre proprio a Napoli.

di ADRIANA D’AGOSTINO

I nomi dei due primi classificati della tappa napoletana sono stati resi noti solo ieri, tramite una mail inviata a tutti i 23 partecipanti. La giuria ha così premiato “Quoque tu” di Fabio De Gano e “Lo scroscio di applausi” di Michelina Monzo. La sfida proposta da Tiro Rapido è quella di scrivere un racconto di genere giallo o noir in un locale pubblico, seguendo una traccia data al momento dagli organizzatori, entro un tempo massimo di 550 minuti, ovvero 9 ore e 10 minuti. I partecipanti devono presentarsi alla location stabilita entro le ore 10.00 per iscriversi. Dopo la registrazione devono prendere posto nella sala addetta. Lì ricevono dalla giuria due tracce da seguire nell’elaborazione del racconto. Da quel momento inizia la fase di scrittura, che termina alle ore 19.46. Lunedì, le due tracce proposte agli aspiranti scrittori napoletani sono state Il Caso Grimaldi ed Il Caso Siani.

Ad ispirare gli organizzatori nella creazione di questa interessante iniziativa, è stata l’intramontabile figura dell’intellettuale che scrive e che crea seduto in un Caffè, espressione della pura libertà creativa. Non a caso, a Napoli, è stato lo storico bar Gambrinus il teatro di questa sfida letteraria.

Tiro Rapido, giunto ormai alla sua sesta edizione, è promosso come ogni anno da Porsche Italia in collaborazione con il complesso editoriale RCS e vanta in totale ben 1.800 partecipanti negli ultimi 6 anni. A comporre la giuria, quest’anno sono stati invitati Andrea Rossi, direttore del mensile Max, Andrea Monti, direttore del settimanale Oggi, Giuseppe di Piazza, direttore di Magazine (settimanale del Corriere della Sera) , Fiorenza Vallino, direttore del settimanale Io Donna, del Corriere della Sera ed il direttore Daniele Protti, che premierà il racconto vincitore dell’intero concorso con una pubblicazione sull’Europeo.

Ai 14 vincitori selezionati nelle 7 città italiane verrà, infatti, data la possibilità di partecipare alla finalissima di Tiro Rapido che si terrà il 16 novembre a Milano presso la sala Montanelli, all’interno dell’edificio del Corriere della Sera. Fino al 2009, come ci conferma Mauro Gentile dell’ufficio stampa Porsche Italia, un terzo dei vincitori è stato partenopeo. Ricordiamo solo Maurizio di Giovanni, ospite d’onore quest’anno al Gambrinus in occasione della eliminatoria. Vincitore napoletano della prima edizione del concorso nel 2005, oggi di Giovanni è l’affermato autore dei romanzi che hanno come protagonista il Commissario Ricciardi.

Prossimo appuntamento, quindi, il 16 novembre con qualche difficoltà in più: alla finale i minuti del tempo massimo di consegna saranno 356. Non si tratta di numeri a caso: il 551 ed il 356 sono due numeri di riferimento di altrettanti motori Porsche.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Go Up