Ritrovato Stradivari

Era stato rubato 35 anni fa al musicista polacco Roman Totenberg

di Gialli.it 6 agosto 2015

L’avevano rubato 35 anni fa. E lui, il musicista polacco Roman Totenberg, legittimo proprietario del prezioso strumento, aveva sempre detto di sapere chi era stato. Ora L’Fbi ha ritrovato lo Stradivari rubato, ma Roman è morto. Aveva 101 anni. E non suonerà mai più quel meraviglioso violino.

L’annuncio l’ha dato la figlia Nina, su Twitter, alle 11,30 di oggi. “My father could dazzle or break your heart with his Stradivarius violin. Then it was stolen”. E il cinguettio suona un po’ come una beffa. Roman Totenberg è morto tre anni fa. All’età di 101. 35 dei quali trascorsi a dire che lui lo sapeva chi aveva rubato quel violino. Ma nessuno lo aveva preso sul serio.
Per portarselo via, nel lontano 1980, i ladri erano entrati nell’ufficio di Roman presso Longy School of Music a Cambridge, Massachusetts. Del furto aveva parlato mezzo mondo. Quel violino non era una cosa da poco. Costruito nel 1734, era conosciuto Ames Stradivari. E valeva un milione di dollari, circa.
Per tre anni l’Fbi lo aveva cercato senza sosta. Ma del violino nessuna traccia. Fino a quando, qualche mese fa, una donna ha portato lo strumento a far valutare, e la persona contattata ha subito avvertito la polizia.
Torna dai Totenberg, dunque, lo Stradivari rubato. E proprio Nina, la figlia del musicista polacco, annuncia che ora o strumento verrà restaurato e venduto. “Vogliamo che lo suoni un altro grande violinista”.
Antonio Stradivari visse a cavallo tra il ‘600 e il ‘700. In 50 anni costruì 1200 strumenti.
Oggi 600 violino vengono attribuiti al suo laboratorio di Cremona. Hanno quasi tutti un nome e un valore che arriva fino a 10 milioni di dollari.
La magia del suono sarebbe legata ad un mix di sostanze – fra cui borace (utilizzato come detergente o antisettico), fluoruro, cromo e sali di ferro – che avrebbe interagito con il legno e gli avrebbe conferito il suono ineguagliabile.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Go Up