Ritrovato lo Stradivari della Milwaukee Symphony Orchestra

di Gialli.it 7 febbraio 2014

E’ stato ritrovato lo Stradivari trafugato a Milwaukee, il 27 gennaio scorso. Vale tra i 5 e i 6 milioni di dollari. 

Lo avevano rubato una decina di giorni fa. Il 27 gennaio. Alla fine di un concerto.
Un raid. In piena regola. Pistole elettriche alla mano, cappucci, e un solo obiettivo: portarsi via “Lipinski”, uno splendido Stradivari dal valore di mercato di 6 milioni di dollari.
Si erano appostati all’esterno del teatro. E avevano atteso. Che Frank Almond, il primo violino della Milwaukee Symphony Orchestra, uscisse.
Poi l’azione. Come in un film. Le minacce, la pistola elettrica, la fuga.
In pochi secondi uno dei più incredibili esemplari creati del liutaio italiano, era sparito nel nulla.
Lo strumento era stato realizzato nel 1715. Faceva parte dei circa 600 violini conosciuti oggi. Si chiama “Lipinski Strad”, perché, nel diciottesimo secolo, era appartenuto al violinista e compositore polacco Karol Jozef Lipinski.
La polizia dei Milwaukee ci ha messo poco più di una settimana per risalire ai ladri e restituire il violino al musicista americano.

Antonio Stradivari è vissuto a cavallo tra il ‘600 e il ‘700. In poco più di cinquant’anni ha creato circa 1200 strumenti, tra violini, mandole, violoncelli e viole.
Oggi, nel mondo, si contano quasi 600 violino attribuiti al suo laboratorio di Cremona. Hanno quasi tutti un nome e un valore che arriva fino a 10 milioni di dollari. Il maggior numero di strumenti creati dall’artista italiano sono in Russia. Mentre a Stradivari, e alla sua arte è stato dedicato finanche un asteroide.
La ‘magia’ del suono, il motivo per il quale quegli strumenti sono considerati unici, sarebbe legata ad un mix di sostanze – fra cui borace (utilizzato come detergente o antisettico), fluoruro, cromo e sali di ferro – che avrebbe interagito con il legno e gli avrebbe conferito il suono ineguagliabile.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Go Up