MachetteMB2
MachetteMB2
pok

Inghilterra, un bambino chiama il 999: “Mi hanno rubato i Pokémon”

Non si arresta la Pokémon Go mania, e secondo i russi dietro il gioco ci sono i servizi segreti

di Gialli.it 19 luglio 2016

C’è un numero, in Gran Bretagna, per chiedere qualsiasi tipo di aiuto.
Basta comporre il 999 e una voce cortese si mette a disposizione per ogni emergenza. E se il caso è grave smista la telefonata alla Polizia, ai pompieri, o all’ospedale più vicino.
E’ un numero famoso. Che ha salvato migliaia di persone, ha risolto casi di violenza domestica, ha aiutato bambini disperati, e anziani in fin di vita.
Qualche giorno fa, alle 11,15 in punto il 999 del Gloucestershire, squilla all’impazzata. Risponde un’operatrice. Dall’altra parte del ‘filo’ un ragazzino. Sta piangendo. “Mi dica”. Dice cortese e preoccupata la donna. Qualche secondo di silenzio poi la richiesta di aiuto. Secca, senza giri di parole. Ma tra i singhiozzi. “Qualcuno ha rubato i miei Pokémon”. Silenzio. L’operatrice non si perde d’animo, ma cambia il tono della voce. “Perché ha chiamato il 999?”. “E’ molto brutto…”. Risponde il bambino tra le lacrime. “Si rende conto che ha interrotto questo numero di emergenza per i Pokémon?”. Il piccolo ascolta, poi chiude. Addolorato.
E’ l’ultima, incredibile, follia della Pokémon Go mania.
Arriva direttamente dall’Inghilterra e dà la misura di quanto il fenomeno dei mostriciattoli nati dalla fantasia di Satoshi Tajiri stia andando ben oltre il dovuto.
Ormai sono molti a considerare il gioco del momento come un vero e proprio pericolo.
C’è gente che ci gioca mentre è alla guida dell’auto, o in bici. E ci sono orde di ragazzini pronti a piombare in una chiesa o in un museo per assicurarsi un mostriciattolo raro e segnalo in una location impossibile.
Sulle autostrade di mezzo mondo campeggiano cartelli che invitano ad evitare Pokémon Go durante il percorso. E c’è anche chi, intorno al giochino dell’estate ci vede l’ombra lunga dei servizi segreti.
E’ il caso del ministro delle Comunicazioni russo Nikolay Nikiforov, che ha espresso il sospetto che “il gioco possa essere stato creato su spinta dei servizi segreti, intenzionati a raccogliere videoinformazioni in tutto il mondo”.
Insomma, la sensazione che Pokémon Go stia sfuggendo di mano ad un po’ di gente è forte. Non ci resta che fare il bollettino di guerra e sperare che un gioco non si trasformi in tragedia.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

fascettaMurderParty

fascettaAIeventi
sufb
Go Up