Facebook aiuterà a combattere la mala

di Gialli.it 24 gennaio 2014

C’è un software che permette alle forze dell’ordine di ridisegnare le mappe criminali di ogni città e di prevedere scissioni, faide e regolamenti di conti.
Si chiama Orca (Organizational, Relationship, and Contact Analyzer) ed è stato messo a punto dall’Accademia Militare di West Point. A 70 chilometri da New York.

In passato c’era la ‘memoria storica’. Il poliziotto, il carabiniere più anziano, che i criminali li conosceva tutti. Se li ricordava uno per uno. E sapeva ogni cosa della loro vita, di quello che gli stava accadendo. Bastava un fidanzamento per capire se un ‘picciotto’ stava per passare in un altro clan. Bastava un episodio apparentemente superficiale per intuire una imminente scissione.
Oggi, grazie ai social network, anche il controllo del crimine sta cambiando.
Ne sanno qualcosa a New York, dove la situazione sembrava veramente ingestibile. 400 omicidi all’anno, decine di gang, organizzazioni mafiose internazionali, la Grande Mela è una città da brivido. E allora qualcuno ha pensato di correre ai ripari utilizzando il web.
Lui si chiama Paulo Shakarian. Ed è un docente dell’Accademia Militare di West Point, una delle più prestigiose d’America e che conta oggi 4400 cadetti. Il maggiore Shakarian è un appassionato di tecnologia ed anche uno dei primi militari a capire che attraverso Facebook si può anche seguire l’andamento della criminalità locale. E allora perché non realizzare un software che, in poche ore, riesce a trasformare i dati già in possesso delle forze di polizia in dei grafici che illustrano con precisione i rapporti tra persone, luoghi e date.
E’ nato così Orca. L’app che permette alle forze dell’ordine non solo di seguire le diverse gang della città e capire come cambiano e come si sviluppano, ma anche di prevedere eventuali regolamenti di conti e faide.
Il software funziona come un enorme data base dei cattivi. Analizza i nomi dei criminali arrestati e il loro raggio d’azione. Poi, grazie ai social network, incamera informazioni sugli affiliati alle gang e stabilisce i loro rapporti di amicizia o di parentela. Con lo stesso sitema ridisegna mappe criminali riuscendo anche ad individuare gruppi o sottogruppi interni alle grandi famiglie della mala. Ne viene fuori una mappa del crimine che fino a qualche anno fa era pressocché impensabile. Perché attraverso Orca si riesce anche a controllare meglio la ‘strada’ e a verificare le informazioni dei collaboratori di giustizia.
Il software è attualmente in carico alla Difesa Militare americana. Verrà utilizzato anche per la lotta al terrorismo e al narcotraffico. E forse, tra un po’, verrà esportato in altri paesi.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Go Up