27 novembre. Obama e gli Ufo I brokers ci avevano creduto

di Gialli.it 3 dicembre 2009

Da buoni scommettitori, prima di effettuare  una puntata, bisognerebbe controllare le quote dei bookmakers  inglesi sull’avvenimento. Le ipotesi,  le dubbie verità, le aspettative sui possibili eventi  possono essere   disquisite  all’infinito, ma sono solo i bookmakers, che determinano una quotazione del possibile o anche dell’impossibile. E’ la cartina al tornasole del pensiero comune, rivela l’attendibilità dell‘evento in questione per il pensiero umano.

di BRUNO MATTIA GALLO

In America si stava giocando la partita delle primarie. Fino al 3 gennaio,  la Clinton aveva, secondo alcuni politici,  ancora delle chance di vincere contro Obama. Ma bastava andare a controllare i botteghini e si sarebbe scoperto che la quotazione del futuro presidente era molto bassa, segno di una vittoria scontata. Infatti Obama vinse le primarie e le presidenziali.
Il 9 gennaio 2009, in Inghilterra ci fu una notizia che due turbine a vento, a Conisholme, nel Lincolnshire  fossero state danneggiate da un UFO.  In quel periodo ci furono molte segnalazioni nella zone e gli allibratori offrirono la possibilità ai giocatori di scommettere  in favore dell’ipotesi extraterrestre. La quota schizzò verso l’alto (500 a 1) evidenziando l’impossibilità dell’evento.

Non mancano le quotazione su eventi impossibili come l’eventualità che Elvis Presley a bordo di un oggetto non identificato cada in testa al mostro di Lochness (quota 200000000 a 1 ). Negli ultimi anni i broker britannici ridussero la loro quota su una possibile vita extraterrestre  (da 500-1 ad 25-1) quando l’ente spaziale americano rilevò la presenza di tracce di organismi viventi in materiali provenienti da Marte.

La ragione di questo cambiamento, secondo alcuni esperti del settore, fu da ricercarsi sulle aspettativa di notizie ancora più clamorose nei prossimi anni da parte della NASA. Su questo filone si è inserito, in questi giorni, l’annuncio del 27 novembre, data che sarebbe stata storica per gli appassionati di UFO, se Obama avesse rilevato novità clamorose sulla questione aliena.

Gli scommettitori prima hanno avuto qualche perplessità e poi hanno abbassato il rating da 250-1 a 80-1, segno che la possibilità di nuove rivelazioni su alcuni segreti extraterresti era di fatto credibile.  Tanto rumore per nulla. Anche i broker sbagliano? La fine del mondo è vicina. Scomettiamo ?

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

4 pensieri su “27 novembre. Obama e gli Ufo I brokers ci avevano creduto”

  1. vi dico solo una cosa non avete x caso notato che negli ultimi 2 anni l’incremento delle notizie su fine del mondo e ufo sono aumentate del 200% alcune delle mie fonti esperte anno analizzato l’argomento e si sono recati su siti non ancora presenti su you tube o altro e vi dico che quanto mi hanno detto è quasi uguale se non identico a quello che succede da anni dai rapimenti al 2012 ……….una cosa o voluto approfondire di più trà tutte le notizie a me ricevute…..nel 2012 verranno prese circa il 25% della popolazione mondiale e fatte salire su enormi costruzioni presenti nei 5 continenti rispettivamente presenti a Roma ,Nevada.California,Tokio,Sydney,e se non ancora del tutto certo in inghilterra a Ipswich, verranno caricate piante e animali di tipi diversi a 2a2 ……….mi sentirete parlare ancora nel 2010

    1. nadir…rispondimi!!!
      ho saputo che ci sono astronavi aliene in viaggio,che arriveranno per
      popolare il pianeta e sottometterci!!Cosa mi dici in proposito!!!
      Grazie…spero che tu legga!!

  2. quindi mi stai dicendo, Nadir, che verranno costruite delle “arche di noè” spaziali con le quali il 25% della popolazione terrestre potrà mettersi in salvo? E dove vanno? Poi ritornanosulla Terra (o quello ke ne rimane) per ricostruire tutto nel giro di poche centinaia d’anni?

    Se questa fonte fosse attendibile, devo cercare di contattare “chi sà” per avere un biglietto 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Go Up