Noir & Food, la cucina del Giallo

L'evento culinario organizzato in occasione del Festival

di Gialli.it 7 agosto 2015

Quando litiga col marito Adriana prepara dei Tomàtes kai pipieriès yemistès e li utilizza come fossero un ramoscello d’ulivo. Un modo delicato di ‘fare pace’. Al commissario Kostas Charitos questa cosa piace molto. A lui i pomodori con i peperoni ripeni piacciono tiepidi. Il tempo di ‘fare pace’ con la sua donna, appunto.
Ecco. Se volete provarli, i piatti preferiti del commissario nato dalla penna dello scrittore greco Petros Markaris, conviene farsi un giro a Senigallia. Dal 18 al 25 agosto. Nei giorni del Festival Ventimilerighesottoimari in giallo. Nei giorni di Noir & Food, l’evento culinario per gli appassionati di delitti di carta. E non solo.

Immaginatevela così Senigallia ad agosto: una città intera dove ristoranti, bar, localini sul mare si stringono intorno al loro Festival e offrono ai turisti, ai villeggianti e agli appassionati del genere un ‘tuffo’ nella cucina greca. Quella raccontata nei libri di Markaris.
E’ la grande intuizione di Noir & Food, l’evento culinario che da quest’anno affianca il Festival e offre una sorpresa in più ai suoi visitatori.
Nei giorni della kermesse, tra un evento e l’altro, si potranno gustare i souvlaki, peperoni ripieni, spiedino di pollo marinato accompagnato con la salsa tzatziki,  e anche le polpettine con salsa yogurt e insalata greca  o la khoriatiki salata, un’insalata composta con feta, fette di cetriolo, cipolla fresca, pomodoro, olive, olio extravergine d’oliva e origano fresco.
Ma non finisce qui. Nei giorni del Festival ha annunciato la sua presenza anche lo chef pluristellato Mauro Uliassi, la cui creazione culinaria dedicata alla cucina ‘gialla’ resta ancora top secret.
Per un aperitivo, invece, sarà possibile per le vie del centro gustare un bicchiere di ouzo servito al centro del piatto con feta, olive e un paio di crostini di pane con pomodorini secchi e salsa tzatziki, oppure assaggiare un “A day in Greece”, drink a base di ouzo miscelato con scorze di arancia e limone, basilico, miele e soda.
E per chiudere? Il gelato greco, ovviamente. Dal 18 al 25 agosto alla gelateria Brunellli c’è il gelato “Kaimaki”, un omaggio al più grande gelatiere greco, Nikolaos Christogeorgos, campione europeo nel 2012. Fiordilatte arricchito con le lacrime di Chios. Una resina ottenuta dal lentisco e dal sapore rinfrescante, simile al pino o al cedro.
Insomma, delitti e cibo. Meglio di cosi…

 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Go Up