Marsiglia. Il killer dei gatti neri

Dodici gattini uccisi in una settimana.

di Francesco Guidi 4 agosto 2015

Marsiglia. C’è un serial killer. Ma di gatti. Neri.
Sembra la solita storiellina dell’estate. Ma questo signore fa sul serio. Dodici felini uccisi in un settimana, ed ‘esecuzioni’ plateali. Da far voltare lo stomaco. Ma anche da far riflettere. E preoccupare.
Il quartiere si è rivolto alla Polizia. Lui, continua ad uccidere gattini. Così. Per sfizio. Lo stronzo.

Il primo segnale era arrivato la settimana scorsa. Un gatto nero tagliato perfettamente in due. Lo avevano ritrovato dei signori che facevano jogging di mattina sul viale di un comlesso residenzale nell’est di Marsiglia. Poche ore dopo ancora un gatto morto. Nero. Come il primo. Ucciso con un colpo di fucile alla testa. Roba da pazzi scatenati.
Passa un giorno è il giochino non si ferma più. Marsiglia si sveglia con l’elenco dei gatti nere uccisi la notte prima.
Sembra uno scherzo, ma le modalità di Chats Noirs (così lo chiamano nel quartiere, il deficiente) lasciano perplessi e preoccupati.
L’uomo uccide con ferocia e accanimento. Gioca a fare il serial killer, spaventa la gente e fa scrivere cazzate ai giornali.
Non va. Non va proprio bene. In Francia si stanno muovendo le Associazioni Animaliste. Esposti, denunce, ma almeno per ora nessuna soluzione al ‘giallo dell’estate’. Molti sono convinti che si tratti di un residente superstizioso. Ma anche alla Polizia non piace quello che sta accadendo. Un tizio così non è un semplice ‘superstizioso’. E’ un pazzo scatenato e va fermato.
Magari vi teniamo aggiornati.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Go Up