Luna, in sei foto la verità

di Gialli.it 20 luglio 2009

20 luglio 1969. L’uomo è sulla luna. Il più grande sogno di tutti i tempi è finalmente realizzato. Eppure su quella missione ci sono ancora mille dubbi e tante ombre. Oggi però grazie ad una serie di rilievi effettuati da un ricognitore della NASA è veramente difficile continuare a sostenere le mille leggende metropolitane che si rincorrono sull’allunaggio.

È arrivato nell’orbita lunare il 23 giugno. Da quel giorno sta scattando fotografie ed eseguendo rilievi della superficie lunare in vista delle prossime missioni. Il Lunar Reconnaissance Orbiter è il primo ricognitore lunare della NASA dopo più di un decennio, ed invia incredibili immagini della Luna sui nostri computer.

Tra l’11 ed il 15 luglio è passato sulle aree di atterraggio delle missioni Apollo, ed ha scattato alcune fotografie. Si possono individuare abbastanza bene i resti lasciati dall’uomo: l’Eagle Lunar Lander dell’Apollo 11, ma anche i moduli delle altre missioni, ed addirittura il sentiero tracciato dagli astronauti dell’Apollo 14 nelle loro passeggiate.

Pare proprio che anche i più cocciuti scettici debbano arrendersi all’idea: l’uomo 369234main_lroc_apollo11labeled_256x256è stato sulla Luna, almeno s369236main_lroc_apollo14labeled_522x256ei volte.

 

 

 

369240main_lroc_apollo16labeled_256x256369242main_lroc_apollo17labeled_256x256

 

 

 

 

369238main_lroc_apollo15labeled_256x256

369228main_ap14labeled_540

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Un pensiero su “Luna, in sei foto la verità”

  1. ma e’ possibile che 6 missioni su 6 con allunaggio con uomini a bordo sia riuscito a tornare a casa sano e salvo senza il minimo intoppo e senza un piccolo minimo problema?…….Ma per favore!!!!! Allora e’ piu’ facile fare 6 al superenalotto?!?!?!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Go Up