Incredibile. E’ falso il quadro bucato a Taipei

Colpo di scena nella storia del ragazzino che danneggiò Fiori

di Serena Laudadio 28 agosto 2015

Ve la ricordate la storia del ragazzo che a Taipei è caduto e ha danneggiato un quadro dal valore di un milione e mezzo di dollari? Ecco. Grazie a quel danno ora si scopre che la tela di Paolo Porpora, un pittore italiano del Seicento, sarebbe falsa.

Le coincidenze incredibili. Un ragazzo cade in un museo e buca un quadro del ‘600 valutato un milione e mezzo di dollari. La vicenda fa il giro del mondo, e qualcuno si accorge che l’opera è solo un falso.
E’ accaduto a Taipei, la capitale di Taiwan. In Cina.
Il 24 agosto un ragazzino gironzolava lungo i corridoi della mostra ‘Il volto di Leonardo: immagini di un genio’. Tra le mani ha un bicchiere. Inciampa, e per evitare l’urto allunga la mano libera. Tragedia. Sfonda un dipinto di un pittore del tardo barocco italiano, Paolo Porpora. Il danno è a sei zeri.

CNPmY9HVEAAJqtV
La tela viene danneggiata nella parte bassa. Pagherà l’assicurazione. Ma il video che ‘ferma’ l’incidente fa il giro del mondo, diventando un cult del Web.
Storia finita? Neanche per scherzo. Proprio il video virale apre un nuovo capitolo sulla vicenda.
Già, perché qualcuno, guardando e riguardando quelle immagini si convince che il quadro esposto a Taipei è falso. Ricorda un altro quadro. “Composizione con vaso di fiori”, un pezzo del diciassettesimo secolo di Mario Nuzzi, elencato nel catalogo 2012 della casa d’aste Della Rocca, con un prezzo orientativo di 25.000 a 30.000 euro. L’opera non fu mai venduta.
E qualcuno ora pensa che Fiori, il quadro danneggiato di Porpora, è proprio quel dipinto invenduto di Nuzzi.
David Sun, capo del TST Art of Discovery Co. che ha sponsorizzato la mostra di Taiwan, ha negato dicendo che i due dipinti sono diverse. Ma non è entrato nei dettagli.
La sua difesa non è riuscita a stemperare i sospetti da parte degli esperti del settore e dei media.
Ora la parola passa alla National Gallery dove il quadro è appena tornato. Tutto rotto.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Go Up