Hong Kong, la leggenda dell’Occhio

di Gialli.it 22 gennaio 2014

Uno strano fenomeno inquieta Hong Kong. Un punto, di una delle montagne che circondano la città, si è illuminato improvvisamente. Per i vecchi del posto è un cattivo presagio. Legato ad un’antica leggenda.

C’è una leggenda, ad Hong Kong, nella quale si racconta che un tempo la città era tormentata da nove draghi. E che un dio benevolo decise che avrebbe dovuto mandare lì un leone, a proteggere la gente da quei mostri.
Oggi quella storia se la ricordano in pochi. Ma i draghi continuano ad esserci. E pure il leone che difende la città. Sono montagne. Quelle che circondano il ‘Porto Profumato’ e che rappresentano una delle tante attrazioni turistiche della megalopoli cinese. Nove picchi montuosi (i nove draghi) e una ‘roccia’ che in qualche modo li ‘controlla’. Il Leone. Lion Rock.
Ecco. E’ proprio della Roccia del Leone che dobbiamo parlare. Perché da qualche giorno quella montagna, che sovrasta la zona di Kowloon, preoccupa molto i cinesi, e in particolare i vecchi del posto.
Le cose sono andate così.
Prima di Natale, il 22 dicembre, in una giornata di cielo terso, limpido, Lion Rock si è illuminata. Ma forse non è corretto dirla in questo modo. Perché ad illuminarsi non è stata la montagna, ma un punto preciso della Roccia. Il punto, cioè, che gli abitanti di Hong kong chiamano l’Occhio. L’Occhio del Leone. Che il 22 dicembre, per trenta minuti, è diventato improvvisamente rosso. Lasciando nello sconcerto chi conosce l’antica leggenda dei Draghi.
Già, perché quella storia antica, ad un certo punto dice che qualora l’Occhio dovesse diventare rosso per Hong Kong cominciano i guai. “E’ un cattivo presagio” dice la gente. “Il Leone sta per perdere la calma”. Le cose in città non vanno bene.
Questo è quanto. Ora non resta che provare a dimenticare quello strano e inquietanete episodio. E per farlo un gruppo di scienziati ha promesso di studiare il fenomeno e tentare, in tempi brevi, di spiegare perché ogni tanto l’occhio di Lion Rock diventa rosso. Come il sangue.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Go Up