Il giorno di Petros Markaris

Il Festival del Giallo dedica una giornata alla Grecia del commissario Charitos

di Gialli.it 20 agosto 2015

Senigallia cala l’asso. Domani, venerdì 21, è il giorno di Petros Markaris, il ‘Camilleri’ greco che scrive gialli e parla di politica. Intellettuale poliedrico e di grande talento, scrittore di opere teatrali, e sceneggiatore Tv, il padre del commissario Charitos sarà il protagonista assoluto del Festival. A lui è anche dedicata la sezione speciale Noir&Food.

“Ad Atene la crisi ci ha portato via la gioia di vivere”. Non è uno che le manda a dire Markaris. Lui la crisi greca la vive ogni giorno e la racconta. Con coraggio. Senza far finta di niente. Anche, se possibile, nei suoi gialli. Perché, a volte, è proprio la letteratura d’intrattenimento che permette ad uno scrittore di far riflettere. E i gialli di Petros Markaris sono questo. Storie che gli permettono di dire la sua sulla genesi e la successiva evoluzione del tracollo sociale ed economico che ha colpito il paese ellenico.
Magari utilizzando le parole, i toni, la simpatia del suo personaggio chiave: il commissario Charitos, impegnato a risolvere i più efferati omicidi che scuotono un’Atene messa in ginocchio dalle tensioni sociali e dalle politiche della Troika.

E’ un’altra bella intuizione degli organizzatori di Ventimilarighesottoimari in Giallo, quella di portare a Senigallia uno scrittore capace di parlare della Grecia come Markaris sa fare.
Con il libro Titoli di coda, che l’autore presenterà alle ore 21,30 alla Rotonda insieme ad Alberto Sironi, regista della fortunata serie televisiva sul commissario Montalbano, Markaris conclude la cosiddetta “Trilogia della Crisi”, composta anche da L’esattore (2012) e Resa dei conti (2013), e nella quale individua i guasti prodotti dal malcostume delle classi dirigenti del proprio Paese: dalla piccola e grande corruzione all’urbanizzazione selvaggia, dall’arricchimento facile e illegale all’individualismo sfrenato.

L’appuntamento di venerdì, quindi, rappresenta un’occasione da non perdere per gli amanti del genere, ma anche per chi vuole comprendere meglio le dinamiche della crisi greca.
Ma la giornata dedicata a Markaris inizierà già nel pomeriggio, alle ore 18,30 al cortile della Rocca Roveresca, con l’incontro intitolato I Labirinti di Atene, dove lo scrittore discuterà con il pubblico sul ruolo della crisi economica nei suoi romanzi. Alle ore 20, poi, ci si sposterà alla terrazza della Rotonda per un aperitivo a base di olive greche, ascoltando la lettura delle più belle pagine dei suoi libri a cura del Circolo dei lettori di Senigallia.
Inoltre, come già annunciato nei giorni scorsi, a Markaris il Festival dedica la speciale sezione “Noir & Food”. Per tutta la durata del Festival, nei ristoranti aderenti, si potranno gustare alcuni piatti tipici della cucina greca. Tra questi anche la frittura di alici in salsa tzatziki preparata dallo chef pluristellato Mauro Uliassi e distribuita allo street food nei pressi della Rotonda. L’elenco completo degli esercizi aderenti è consultabile nel sito ufficiale del Festival.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Go Up