Obama e Alieni. Nessuna dichiarazione ieri Ecco tutti i presidenti Usa che hanno parlato di Ufo

di Gialli.it 28 novembre 2009

Attesa vana e tanta delusione: è trascorso così il 27 novembre. Nell’assurda speranza che dal 1600 della Pennsylvania Avenue, in quella splendida villa immersa nel verde che qualcuno chiama White House, l’uomo che il 9 ottobre scorso ha vinto il nobel della pace, squarciasse finalmente un velo sul quel segreto che qualcuno chiama Ufo.

Ma niente da fare. Abbiamo atteso tutta la giornata, ma di Barack Obama e della tanto favoleggiata “conferenza mondiale sugli Alieni” nessuna traccia. Appuntamento rinviato o argomento chiuso? Difficile da dire. Fatto sta che il 44° presidente degli Stati Uniti d’America è l’unico leader nella storia degli Usa che ancora non ha affrontato il delicato tema. Prima di lui tutti i presidenti Usa avevano dovuto fare i conti con dischi volanti e razze aliene. E molti di loro non hanno mai negato un’esistenza extraterrestre.

di SONIA T. CAROBI

Se partiamo dall’immediato dopoguerra il primo presidente degli Stati Uniti che parla apertamente degli Ufo è proprio Eisenhower, ex comandante in capo delle Forze Alleate in Europa durante la Seconda guerra mondiale. Ike, come lo chiamavano gli amici, avvistò un Ufo mentre stava andando ad una festa con la moglie. E, senza fare una piega, raccontò ai cronisti che lo seguivano l’episodio. “Sembrava un sotto coppa, le sue luci erano intense, si fermava e poi d’un tratto ripartiva come a razzo”. I giornalisti gli sorrisero con cortesia, ma qualcuno pensò che il buon vecchio President si fosse studiato bene quell’uscita. E nessuno capì perché.

Qualche anno dopo nacque l’Area 51. E i successori di Ike si guardarono bene dal parlare di Ufo tra un’oliva e un Margarita. Bisognerà, infatti, aspettare una ventina d’anni per riascoltare un Presidente fare dichiarazioni salottiere sui nostri amici extraterrestri.

Jimmy Carter e Ronald Reagan
Nel 1969, James Earl Carter Jr., il famoso produttore di arachidi che nel 1977 diventerà il 39° presidente Usa, raccontò che stava preparando un discorso per la cittadina di Leary, quando notò che sopra la sua testa c’era un grande oggetto verde. Allora Jimmy era il governatore della Georgia, e quella sera intono a lui c’erano una ventina di persone. Nessuno osò smentire le sue dichiarazioni.
Successivamente, durante il suo mandato, l’America visse la sua più intensa e incredibile stagione di avvistamenti Ufo.

Da Carter a Reagan, il suo successore, la storia non cambia. Anzi. Il 40° presidente degli Usa aveva un vero e proprio pallino per gli alieni. E la voglia di parlare dell’argomento gli creò non pochi problemi.
Chi dimenticherà l’incredibile discorso dell’ex attore diventato presidente nel 1981, indirizzato alle Nazioni Unite: “A volte mi domando quanto velocemente svanirebbero le nostre differenze, se dovessimo fronteggiare una minaccia aliena esterna. E mi domando anche, non c’è già tra noi una forza aliena?”.

Apriti cielo. Le sue esternazioni fecero il giro del mondo e si finì per scoprire che Reagan di cose del genere ne aveva dette molte,solo che alla Casa Bianca qualcuno aveva deciso di cancellare dai verbali ufficiali ogni riferimento di Ronald agli alieni. Quel qualcuno era Colin Powell, che alcuni anni dopo svelò a Lou Cannon,  storico presidenziale, il suo curioso incarico.

Bill Clinton e George Bush
Ma Reagan non fu l’unico a farsi scappare dichiarazioni delicate e imbarazzanti. Qualche anno dopo si scoprì che anche il mitico Bill Clinton, oltre che per le stagiste, aveva una passione particolare per gli Ufo.
Dai documenti raccolti nella sua biblioteca sono saltati fuori appunti e lettere in cui Clinton si occupa di oggetti extraterrestri. Particolarmente numerosi sono i documenti relativi ad una corrispondenza fra l’ex presidente e la Project Starlight Coalition, un’associazione di ricercatori, scienziati, politici e semplici cittadini che promuove la ricerca sugli ufo e punta a gettare le basi per un eventuale futuro rapporto di pace con eventuali civiltà aliene.
Tra l’altro, sempre rimanendo in casa Clinton, quella per gli extraterrestri era una passione condivisa anche da uno dei direttori del suo staff. John Podesta, nel periodo 1998-1999, inviò dalla Casa Bianca numerose lettere e fax che facevano riferimento all’Area 51.

In attesa che anche Barack Obama si decida ad affrontare l’argomento non ci resta che ricordare che l’ultimo presidente Usa a parlare in maniera ufficiale di alieni è stato, ovviamente, George Bush.
Per il 43° leader degli Stati Uniti la questione extraterrestre era “un’ipotesi assolutamente realistica”.
In un passaggio del documento di programmazione economica, Bush affermò senza mezzi termini che “ci sarebbero prove attendibili dell’esistenza di vita aliena”.

E se lo disse lui, perché non crederci. O no?

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

58 pensieri su “Obama e Alieni. Nessuna dichiarazione ieri Ecco tutti i presidenti Usa che hanno parlato di Ufo”

  1. Grande cazzata del web ! Viva internet, diffusore di cazzate! ragazzi, se non ci sono fonti ufficiali è ovvio che non succederà nulla !!!!!

    1. ciao a tutti noi commentiamo tutte queste cose ma nessuno si prendera la responsabilità, di dire che esistono altre forme di vita. succederà il caos più totale. cmq per me esistono ci osservano e sono tra noi

  2. Io dico, perché crederci?

    Dire che ci possano essere altre forme di vita nell’universo non significa dire che spesso queste forme di vita vengano a farci visita.

  3. Non sara’ stata semplicemente la solita fandonia che di tanto in tanto viene messa in giro per attendere una data no è???
    Ne ero convintissimo che niente sarebbe accaduto, svegliatevi..

  4. Che delle “forze” esterne all’uomo abbiano influito nel corso dei secoli sulla sua evoluzione e sulla sua storia, è ormai una teoria ampiamente documentata (vedi Zecharia Sitchin, esperto di lingue mediorientali, e Alan Alford, che ha fatto interessanti pubblicazioni sull’argomento). Dallo studio delle antiche civiltà (quindi in qualche modo anche “aliene”) nasce poi tutto l’attuale interesse per il 2012 (il buon vecchio calendario Maya).
    Senza sfociare per forza però nell’apocalisse, gli stessi scienziati hanno più volte dichiarato che è “statisticamente” assai più probabile che vi sia altra vita oltre alla nostra nell’universo, visto il numero incredibile di stelle ivi presenti (considerato anche, quindi, l’incredibile combinazione di eventi che è stata necessaria per avere la vita sul nostro pianeta), piuttosto che no (e parlo dell’establishment ufficiale: vedi Margherita Hack, sicuramente un’astrofisica con “i piedi per terra”, che in un’intervista ha dichiarato : “Che ci sia la vita (nell’Universo) è indubbio, anche intelligente. Il problema, viste le distanze, è riuscire a entrare in contatto“).
    Quindi, se questi governanti hanno delle informazioni precise riguardo forme di vita aliene, e sembra proprio che ne abbiano (intelligenti come noi? Di meno? Di più?), forse non ci dicono nulla per questioni di “sicurezza” (per evitare il panico, per non rischiare una mega crisi economica, ecc…ecc…) o ci dicono comunque quel minimo per non sembrare palesemente in mala fede.
    Credo che, su un argomento così delicato, un comportamento omissivo possa ben essere interpretato, almeno in parte, come un’ammissione.
    Spero che Obama voglia solo cercare di farlo nel modo giusto, ma che ci dica per lo meno qualcosa di più dei suoi predecessori.

    1. Vorrei fare un appuntino sulla dichiarazione di Margherita Hack, il problema della distanza è solamente nostro, soffermiamoci un attimo a pensare che soltanto 1000 anni fà era impensabile solamente volare, eppure oggi con gli aerei superiamo la velocità del suono, tutto è relativo!

    2. margherita hack la lascerei perdere..al tuo posto. avrebbe infatti anche aggiunto che “è impoossibile per gli alieni (siamo tutti alieni di qualcun altro) percorrere (appunto) quelle enormi distanze perche….non ci sono punti di rifornimento durante il tragitto” (sic) praticamente quando la benzine è finita..fai l’autostop o meglio..l’ufostop. come si fa ad acclamare un simile elemento?

  5. Lobbies, coraggio…
    Ma di che parlate?

    Allora c’è ancora gente convita che gli alieni sono tra di noi…

    Bocaloni!!!!

    Quando avrò modo di vedere di persona uno di questi alieni potrò credere alla loro esistenza, fino ad allora TUTTE le notizie che girano sono solo spazzatura!!!

  6. questo che è stato fatto si chiama terrorismo psicologico come stanno facendo con il 2012……credete veramente che se fosse vero tutto questo obama ne parlerebbe.?…succederebbe panico totale..dal quale persone molto deboli di mente possano avere delle brutte conseguenze…..può essere che gli allieni esistano..l’ universo è immenso..ma state tranquilli che non verremo mai a saperlo.

  7. ma ragazzi.. trovo impossibile che nella vastità dell universo UNA civiltà che sia nata magari qualche miliardo di anni prima di noi e sia cosi evoluta da avere tecnologia basate su studi che noi possiamo immaginarci solo nei sogni piu remoti, non esista.. e che percorra una velocità che noi con i nostri bellissimi shuttle sembra che stiamo fermi.. su dai non è questione di spazzatura è questione di aprire gli occhi..per quanto riguarda lobbies e poteri occulti sono sicuro che per motivi di interesse non lasciano trapelare niente.. per quanto riguarda la democrazia è una falsità alla base.. con una democrazia basta avere soldi e potere e fai quel che vuoi ciò dimostra che è stato da sempre un totale fallimento.. e non mi stupisco se nemmeno il presidente degli USA può permettersi di rilasciare un intervista importante, se ne va degli interessi di persone che manovrano il mondo da sempre nel buio.. quindi è il caso di aprire gli occhi sul mondo che ci circonda..che sarebbe sempre ora…io dico semplicemente che in milioni e milioni di popoli UNO c’è sicuramente che può arrivare da noi ed è incuriosito dalla nostra civiltà.. e magari non siamo l unica civiltà che li incuriosisce indubbiamente..ma avere una determinata apertura mentale riguardo a queste cose e riuscire a vedere le cose da un punto di vista non umano ma in qualunque punto di vista non è facile (perché diciamocelo determinati alieni potrebbero davvero fecondarsi con la mente o comunicare con la mente o chissà che altro.. e potrebbe non essere solo fantascienza.. per questo parlo di apertura mentale che forse non è da tutti…)

    1. Chi prenderebbe mai sul serio un presidente che parla appassionatamente di ufo e contatti alieni? Io no di certo, il complotto se lo inventano solo i boccaloni come te, l’unico motivo per cui a nessun presidente è consigliato di parlarne è che direbbe un branco di minchiate.

  8. A me sembrate un po’ scemi. Vi piace credere ancora alle favole. Sveglia bambinoni, i marziani non esistono, quello che vedete nei film si chiamano effetti speciali.
    Ciao

    1. se non esistono i marziani o come li chiami tu, non esistiamo neanche noi…? o non esiste che la terra sia rotonda? e giri attorno al sole…? oppure che tutti i pianeti dell’universo sono solo lampadine senza vita?

      ci sono + prove sugli alieni che sull’esistenza di dio… fai tu..

      1. C’è una leggera differenza “paolo”: le cose di cui parli hanno solide basi scientifiche, l’esistenza degli alieni al momento invece è sostenuta solo traballanti “voci di corridoio”.
        Per quanto riguarda le prove dell’esistenza di Dio, mi sembra di rileggere il mio libro di filosofia di terza, da sganasciarsi, veramente.

    2. posso garantiti che quello che ho visto 25 anni fa ,( in presenza di testimoni ) non era un film e qualsiasi cosa fosse, non era umanamente possibile pilotarlo.

    3. Se tu mi sai dire con assoluta certezza dove finisce l’universo e cosa c’è dopo, e me lo dimostri anche….sono d’accordo con te!!!Parli di ciò che non sai!Sono le persone chiuse come te che fanno rimanere il pianeta alla preistoria…e sei anche giovane se dici così!

  9. Ovviamente, chi si pronuncia in merito alla vita extraterrestre deve necessariamente sapere quello che dice ed avere prove che dimostrino quanto afferma.
    In caso contrario chi sputa sentenze senza neppure sapere quello che dice, a mio avviso, non è neppure degno di nota.
    Oramai la domanda che bisogna porsi non è tanto se esistono oppure no, piuttosto bisognerebbe chiedersi per quale motivo non abbiamo ancora avuto un vero e proprio ” primo contatto ufficiale”.
    Per quanto riguarda le prove della loro esistenza è sufficiente cercare un po’ nella rete, è chiaro che una buona percentuale di video o foto viene inserita da burloni, ma se anche solo una minima percentuale fosse vera, allora le affermazioni di determinate persone non hanno assolutamente senso.
    Giusto per provocare un po’ di senso critico: fisicamente quanto prove esistono sugli alieni e quante ne esistono su Dio stesso?
    La risposta ovviamente la lascio a chi si prende lo scrupolo di farsi una ricerca, io ho già una mia ” risposta personale” ma ovviamente questo non mi dà il diritto di interferire con il libero arbitrio altrui, quando però si leggono certe affermazioni insensate un minimo di risposta è d’obbligo.

  10. L’uomo ha capito da pochi anni, o comunque comincia adesso a capire, che non é al centro dell’universo. La vita, più che essere un caso accidentale potrebbe essere la regola e la normale evoluzione di un pianeta. Si é trovata l’acqua sulla luna e su marte, gli aminoacidi che sono i mattoni della vita si formano in atmosfere di metano e ammoniaca assolutamente ostili alla vita così come noi la conosciamo. La capacità delle forme viventi é quella di adattarsi a qualsiasi condizione. La terra ne é un esempio visto che troviamo forme di vita nei deserti, negli abissi marini e ai poli, non si può certo capire che cosa c’é nella foresta amazzonica studiando il giardino di casa!
    Si sono scoperti numerosi pianeti extrasolari, quindi anche il sistema solare non é una eccezione ma la regola.
    L’uomo non é agile, non é veloce, non ha artigli e denti aguzzi eppure é divenuto la razza dominante di questo pianeta, perché? Perché ha un’inteligenza superiore agli altri animali, e l’evoluzione lo ha premiato. Quindi la vita una volta formata tende ad assumere forme inteligenti.
    L’uomo é soltanto da 52 anni che ha iniziato ad andare nello spazio. Poteva l’uomo primitivo che a cavalcioni di un tronco d’albero riusciva per la prima volta ad attraversare un laghetto, avere nella mente l’idea del sommergibile atomico?

    1. in effetti i libri che qualcuno di noi ha studiato ci dicono che sono 3 le possibili teorie sull’ origine della vita: divina, generazione spontanea(che nessuno è riuscito a riprodurre in laboratorio) ed aliena.
      w la scienza

  11. Sicuramente qualche altra forma di vita’ lassu’ esiste,ma in tutti questi anni non e’ possibile che nessuna fonte ufficiale abbia detto:l’ho visto,queste sono le sue foto,mi ha detto che,per ora non c’e’ niente di ufficiale e niente di veramente credibile,solo la voglia che tutti anno di sapere che c’e’ qualcuno che viene da lontano e che e’ diverso da noi,cuirosita’????Del fatto che Obama non abbia detto nulla sugli ufo e’ la solita’ stronzata messa in giro da qualcuno dei sudetti,come quella eterna stronzata del 2012,dell’avvento della fine del mondo,eppure io sono andato a vedere quella cavolata di film….ma voi volete che finisca il mondo o che vada avanti?Ciao raga viva’ l’umanita’,quella vera!

  12. e un argomento troppo delicato nonostante siamo quasi nel 2010. tanta gente nn crede e una notizia del genere comporterebbe un grande caos mondiale. io non esculdo per quant’è grande l’universo che ci sia altra forma di vita : credo perche se penso che hanno trovato acqua su marte e sulla luna nn bisogna escludere che ci potrebbe essere vita! se penso a tutte quelle persone scomparse nel mondo e nn si sa dove siano finite; agli evvistamenti e nn parlo delle solite bufale. chissa… rimane comunque un grandissimo mistero ammeno che, la nasa nn si decide a parlare!

  13. Ma cosa volete che dica Obama? se parla degli Alieni loro stessi lo fanno nero.
    Ma cosa vogliamo capire se esistono o meno se abbiamo il cervello poco superiore alle formiche, sono passati pochi hanni da quando abbiamo scoperto che la terra e’ tonda figuriamoci quando capiremo qualcosa sugli alieni… non non possiamo sapere di loro, ma loro di noi si.Purtroppo esistono e’ impensabile il contrario, dobbiamo solo sperare che non si incazzino..ciao

  14. Cavolo ho fatto un sogno pazzesco!!!!
    uscivo per andare a fare la spesa e la mia macchina era bloccata da un ufo in seconda fila!!!
    Scherzo ma ragazzi ci pensate a come cambierebbe totalmente la nostra vita?
    Purtroppo xò non accadrà mai perchè credetemi tutti i governi America in primis
    nasconderebbero tutte le scoperte. Siamo nel 2009 e ancora cazzo ci passano macchine a petrolio quando con l’energia solare (i FAMOSI PANNELLI) potremmo far fronte ed un enorme energia gratis.
    Qualche esempio in piccolo:
    I pali della luce stradale con dei p.solari funzionerebberò senza corrente-
    i telefonini il retro della batteria con un p.solare si caricherebbe facilmente.
    Le nostre macchine immaginate il tetto fatto di un p.solare e badate bene che non si vederebbe nessuna differenza certo forse non basterebbe ma diminuirebbe i consumi non pochi.
    Le case con i p.solari
    Ero piccolo e in tv non facevo altro che parlaredi questa energia pulita come anche l’idrogeno eppure sono passati più di 30 anni e siamo ancora allo stesso punto.

  15. dalle risposte ke leggo noto radicata una mentalita medievale!perciò lasciano trapelare poco!a ki nn crede dico:guardate il cielo e meno partite!

  16. Io credo che tutto questo polverone ,non e altro che la verità e fanno di tutto per smentire tutto …. allora che fare? chi vivra vedra.

  17. Cari miei… il mondo è vecchio e conosce bene la verità sugli alieni. parliamo però della punta della piramide. Loro lo sanno e sanno bene che quegli esseri vigilano e attendono un cambiamento del resto della piramide. Essi non possono intervenire più che minimamente e la stessa cosa vale anche per chi ci governa. Obama saprà, ma ricordatevi che il nostro piccolo e fragile mondo cammina su di un filo sottilissimo ed il baratro che lo strappa all’abisso della distruzione potrebbe ingoiarlo facilmente, se venisse rivelata una verità nascosta per millenni. é da osiride o Ermete che i poteri sanno degli alieni, perchè Ermete o osiride era uno di loro e ha viaggiato molto prima di morire volontariamente in egitto. Invece di dare colpe ad obama che sta cercando di risolvere problemi sicuramente di importanza primaria, preoccupiamoci di creare ora, alle soglie della nuova era un mondo capace di affrontare valori universali come il rispetto, la fame dei paesi puù poveri, i problemi ambientali gravissimi e …. magari in un mondo così allora sicuramente , i politici potranno davvero dischiudere e svelare i segreti. Dimostriamo a noi stessi di volerlo, ma con i fatti e non con i sogni. chi non ha radici non potrà volare, così come chi vuole la verità deve superare la bugia di una vita fatta all’insegna del benessere in barba a chi muore di fame.

  18. condivido questa frase detta dal mio omonimo:

    ci sono + prove sugli alieni che sull’esistenza di Dio… fai tu.
    —————————————————————————————————
    Io poi sono al terzo avvistamento in 10 anni e di canne o droghe varie non ne faccio uso e quando e’ successo non ero neanche solo in tutte e tre le circostanze, che adesso qualcuno spari la cazzata di allucinazione di massa come al solito.

  19. penso che forse da una parte fanno bene a non rivelare niente.. penso che se qualcuno sapesse e si facesse i suoi viaggi mentali del tipo oddio ci invaderanno moriremo tutti..beh penso che il tasso di criminalità aumenterebbe a dismisura.. giustamente non sai se domani sei ancora vivo ti godi la vita 😀 conoscendo l essere umano si presuppone che l’idea di rivelare anche un decimo dei segreti che tengono nascosti è assai poco saggia.. e loro sanno come reagiremo.. è il compito di un politico.. sennò non potrebbero tenerci come fottuti burattini davanti alla televisione a marcire e guardare la nuova tr*ia del grande fratello invece di incazzarci per quel che è giusto..quindi per quanto mi riguarda, nonostante è un tema che mi interessa molto, non voglio nuove rivelazioni nei prossimi 4000 anni :).. saluti da torino

  20. Ripeto per non essere noioso che il vero “ALIENO” di Oggi…è l’effetto Serra, è ovvio che dal Summit di Copenaghen ci aspettiamo commenti veri da Obama e special modo su precise ed importanti decisioni dei capi di tutto il mondo, poichè “L’Alieno SERRA” rappresenta il vero pericolo per tutti noi….

  21. A tutti quelli che credono ke nn cè vita oltre questa terra…
    a tutti quelli che credono nelle religioni…
    a tutti quelli che vanno alla messa la domenica come se fosse solo una tradizione…
    a tutti quelli che credono nei quotidiani…
    a tutti quelli che credono solo se vedono,ma poi magari credono nei fantasmi…
    a tutti quelli che pensano che dopo la morte nn cè niente…
    a tutti quelli che pensano che nn contano niente…
    a tutti quelli che nn sanno ke la materia conosciuta nel cosmo dall’uomo è solo il 9%
    a tutti quelli che ridono di cio’ senza pensare…
    a tutti quelli che credono in dio e nn credono negli e.t. solo xche nn li hanno mai visti
    …voglio dirvi solo tre parole…
    ANNATEVENE A FANCULO!!!!!

  22. loro lo sanno che esistono ma non lo dicono, pensano che non siamo pronti
    non ce bisogno di qualquno che lo dica esistono e basta.

    1. L’uomo non é al centro dell’universo!
      Ma se per ipotesi la vita fosse un fenomeno molto più diffuso di quello che si pensa e che i viaggi spaziali fossero una cosa possibile, se per ipotesi questo fosse vero, ma cavolo, perché mai dovrebbero gli ET manifestarsi a noi visto che data la loro maggiore conoscenza delle cose non avrebbero certo difficoltà a sapere tutto di noi senza dover venire a disturbarci direttamente, o siamo cosi presuntuosi da credere di poter dare a loro qualcosa?
      Oltretutto se anche gli alieni si fossero manifestati a noi, chi gli ha visti passa da matto o visionario, e allora?

  23. NON sono alieni, sono della terra, solo di ere differenti.
    Gli esperimenti di Tesla, hanno apero una porta spazio tempo con gli anni 50
    sono più di 60 anni che qui si mescolano razze di ere differenti e c’e’ una fetta di gente che ci ricava lucro, gli esperimenti di tesla avrebbero dato la possibilità di fare a meno del petrolio negli ultimi 60 anni.

  24. noi abbiamo il diritto di sapere la verita’….basta con le bugie……non possiamo vivere nel mistero dobbiamo sapere chi siamo veramente,imparare a conoscerci interiormente.spero che un giorno qualcuno ci dira’ la verita’ senza paura.

  25. invito ,thespacer e altri che la pensano come lui (non sto a scrivere tutti i nomi ), ad intervenire sul all’articolo di gialli.it”conferenza saltata del 27 novembre” ,lì si è formato un gruppo compatto, che parla tranquillamente dell’argomento e che scambia informazioni!!!
    Spero che leggiate!Vi aspetto a presto!!

  26. Ciao a tutti, ho letto un po’ tutti i commenti.
    Vi dico quello che penso a partire dal significato della parola CREDERE.
    Intanto penso che tutti dovrebbero chiedersi sempre se sono pienamente coscienti del significato delle parole che usano nel parlare di qualunque cosa, se il significato delle parole scelte consente a ciò che esprimono di corrispondere con la reltà. Ed è proprio qui che enta in campo la parola “credere”. Sono convinto che ogniuno di noi esprime la propria idea dando la massima certezza possibile al fatto che le parole usate sono in grado di far corrispondere l’idea con la reltà e che in fondo sia sempre possibile sospettare che almeno una piccola parte di esse possa aver fatto sfuggire qualcosa che con la realtà non ci azzecchi poi molto. Tutto questo per dire non che non c’è certezza di nulla bensì mettere in rilievo quanto persino il nostro pensare richieda un atto di fede per essere considerato vero.
    Insomma credere è un atto scontato che facciamo tutti i momenti.
    Ci sono però atti di fede che differiscono tra loro in modo radicale: una cosa è credere alle polverine di Vanna Marchi, una cosa è credere che forza = massa x accelerazione. Dico credere in F=ma perché nonostante sia una legge scientidfica assodata nessuno può giurare ed avere la certezza che essa sia valida tra un esperimento probante e l’altro. Oltre al fatto che applicata a sistemi fisici che si muovono alla velocita prossima a quella della luce la sua validità viene meno. Si capisco che il mio dire è un po’ cervellotico ma a rigor di termini vero. Insomma sto “credere” è un atto dovuto che compare un po’ dappertutto. (a tal proposito consiglio la lettura di un libro di ZICHICCHI: “Perché io credo in colui che ha fatto il mondo” dove viene presentato un ragionamento sul teorema della copletezza di Göedel).
    Come dicevo c’é credere e credere e ciò che distingue la CREDULONERIA dalla FEDE sta proprio nelle ragioni per cui uno aderisce ad un’idea, considerandola vera, attraverso un atto di fede. La fede poggia la sua certezza su motivi e ragioni provabili o per lo meno su esperienze ripetibili e ripercorribili. La creduloneria poggia la sua certezza su ragioni e motivi del tutto opinabili, scorrelate se analizzate nel dettaglio, inconcludenti, irrazionali, prive di fondamento, sofistiche e/o pseudologiche. Tanto più le ragioni della fede sono riproducibili, ripetibili e ripercorribili tanto più esse si avvicinano alla scienza che fonda la propria fede nelle sue scoperte proprio sulla ripetibilità sempre ed ovunque delle prove a sostegno delle ragioni. in generale infatti una teoria scientifica che non trova verifica sperimentale a sostegno di ogni sua parte NON PUÒ ESSERE CONSIDERATA SCIENZA e resta nel campo della teoria per quanto essa sia logica ed in grado di spiegare e prevedere gli eventi.
    La scienza è la rappresentazione della reltà, operata grazie al pensiero umano, più vicina alla realtà stessa ed è quella che richiede il minor sforzo di fede possibile.
    Resta il fatto che non tutto quello che oggi si considera scienza è in realtà scienza anzi è molto comune vedere che molte persone sono convinte di parlare di scienza e in reltà stanno parlando di teorie o fantasticherie che con la scienza nulla hanno a che fare. Incredibile è vedere che ci sono pure eminenti scienziati che incappano in questo errore grossolano quano non lo fanno apposta per mettersi in mostra a scapito di una sana divulgazione della scienza.
    Avere fede però è corretto anche quando l’oggetto della fede non è la scienza, e la fede può a ragion veduta essere ben riposta in un’idea anche quando le ragioni non rispondono appieno ai requisiti delle ragioni della scienza. In questo caso le ragioni dovranno essere sempre a disposizione per essere messe in discussione e ripercorse ogni volta che qualcuno le obietta, oltre che essere logiche e NON CONTRADDITTORIE (requisito necessario ma non sufficiente affinchè una ragione sia scientifica)
    Concludendo: credere è vitale, ma è altrettanto vitale cha le ragioni siano sempre disponibili alla discussione perchè l’assenza di questo requisito trasforma la fede o in un plagio o in una creduloneria, che poco cambia.

    Ciao.

  27. …….noi proveniamo da un pianeta primitivo a confronto di civiltà aliene che esistono da prima che la terra si formasse. immaginate dove può essere arrivata tale civiltà a proposito di tecnologia ecc……

  28. mah sempre le solite storie..la Hack (ma non solo lei, qualunque astrofisico) ha detto giustamente che data l’enorme quantità (migliaia di miliardi) di stelle (e quindi anche di sistemi solari) è impossibile che non esistano altre forme di vita oltre a noi nell’infinità dell’Universo. Forme di vita come organismi unicellulari, batteri (sono forme di vita sì..). Il punto è che le distanze sono abissali. E non solo per noi, perché comunque il problema riguarda la “materia” in sé, spostarla per miliardi o milioni di anni luce è un problema. Esistono solo teorie su come si potrebbe fare(un motore), ma gli esiti proposti porterebbero alla morte (o comunque alla disgregazione della materia stessa in questione, l’accelerazione sarebbe inimmaginabile per non parlare poi dell’arrivo). Basti solo pensare che Marte appena “nacque” era praticamente uguale alla Terra, ma le sue dimensioni più piccole rispetto alla Terra e la sua vicinanza al Sole lo hanno fatto “morire” prima del “previsto”, e ora come ora rappresenta la fine che farà il nostro pianeta. La Terra sarà come Marte tra miliardi di anni, sempre se l’uomo non la disintegra prima. Quindi se accanto a noi c’era già un tempo un posto capace di ospitare la vita, figuriamoci se nell’Universo (che vi ricordo che fino a prova contraria è infinito) non ce n’è..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Go Up