MachetteMB2
MachetteMB2
Kurt Cobain s Childhood Home   Google Maps

Chi ha paura della casa di Kurt Cobain?

Nessuno vuole comprare la 'haunted house' di Aberdeen

di Felicia Cortese 10 settembre 2015

E’ un pezzo di storia della musica rock. Potrebbe diventare un museo. Ma nessuno vuole comprarla. Anche se il prezzo, in meno di sei mesi, è calato di un terzo dalla richiesta di partenza. Ad Aberdeen girando strane storie. Chi ha paura della casa d’infanzia di Kurt Cobain? Perché qualcuno comincia a chiamarla Haunted House?

Cobain_casa-kPXH--1280x960@Web

Quando Wendy O’Connor decise di venderla, pensarono tutti che fosse assurdo lasciare che qualcuno potesse speculare su un pezzo di storia della musica. Era il 2013, e la madre di Kurt Cobain affidò ad un’agenzia immobiliare la casa dove il leader dei Nirvana aveva cominciato ad ascoltare musica, e a suonare. Mezzo milione di dollari per quella casetta al1210 E. First Street di Aberdeen, nella contea di Grays Harbor, nello Stato di Washington,  presente in tutte le foto d’infanzia di Kurt. Quelle quando è ancora un ragazzino e scrive sui muri i nomi dei suoi gruppi preferiti (Led Zeppelin, Iron Maiden), quelle con Kimberly, la sorellina, quelle con la sua prima chitarra.

1210-East-First-St11

500 mila dollari per avere un luogo di culto per milioni di fans. Eppure quella casa nessuno la vuole. Due anni invenduta e a marzo il primo ribasso. 400 mila dollari. E un sacco di polemiche per un’operazione immobiliare considerata assurda. Niente. Anche allora nessun compratore. Fino a quando, ieri, l’agenzia immobiliare ha deciso di portare il prezzo ancora più giù: 329 mila dollari per un casetta che potrebbe fare la fortuna di chiunque. E in una città che è già meta turistica proprio perché è la città dove è vissuto Kurt Cobain.

1210-East-First-St22

Perché quella casa non si vende? Ad Aberdeen girano strane storie. Ma sottovoce, quasi come se la gente avesse paura anche di raccontarle.

images-1

Quella è la casa dove Kurt ha cominiciato a scendere tutti i gradini dell’inferno. Dicono. Quella è la casa dove ha conosciuto il dolore della separazione dei genitori e dove ha cominciato a chiudersi in sé stesso. Quella, dicono, è la casa dove torna, ancora oggi. Per rimanere solo nella mansarda dove per nove anni è stato felice.

hqdefault

Già. Le leggende sul ‘fantasma’ di Kut Cobain sono veramente tante. Il ‘sacerdote’ del Grunge, dopo la sua misteriosa morte, è stato visto dovunque. E c’è ancora chi giura che non sia morto. Un po’ come è capitato con Jim Morrison. Oppure c’è chi racconta che anche da morto Kurt ritorna, riappare. Proprio per le strade di Aberdeen, proprio tra le mura di quella casa abbandonata dove il tempo si è fermato.

1210-East-First-St20

“Quella casa è tristezza e dolore, nessuno la comprerà mai”. Questo è quello che si dice in città. E non serve ricordare lui, Kimberly, i giorni sereni, le feste di compleanno. Dentro quelle mura c’è ancora Kurt e la gente non vuole neanche entrarci. Questa è la verità.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

fascettaMurderParty

fascettaAIeventi
sufb
Go Up