Hacker, attacco alla Francia

di Gialli.it 24 novembre 2012

E alla fine è stata come una piccola guerra. Senza sangue e morti ammazzati. Ma con il rischio di strascichi e conseguenze assoltamente imprevedibile. Almeno per ora.
Gli Usa hanno invaso la Francia. Ma non sono state varcate frontiere. Sono penetrati nel cuore dell’Eliseo attraverso Internet. In uno dei cyber-attacchi più inquietanti di questi ultimi anni.
La notizia la riportano diversi giornali francesi. Dal Telegramme, al settimanale L’Express. L’attacco si sarebbe consumato nel maggio scorso esattamente nel periodo di intervallo fra i due turni elettorali delle presidenziali, quando all’Eliseo gironzolavano ancora Nicolas Sarkozy e la sua bella Carlà.
Obiettivo: spiare progetti, note riservate, appunti top secret del capo dello Stato. I pirati – dice il settimanale L’Express – si sono introdotti nel sistema invitando su Facebook persone che lavoravano all’Eliseo. Grazie a un virus sofisticato simile a Flame, si sono poi impadroniti delle password e sono entrati in Elysee.fr.
Tra i destinatari di questo particolare attacco ci sarebbe anchel’allora segretario generale di Sarkozy, Xavier Musca, il cui computer risulta tra quelli violati.
Una volta che le autorità francesi si sono rese conto dell’intrusione, ci sono voluti diversi giorni per ripristinare la rete. Il monitoraggio del malware non ha però portato a grandi risultati, visto che gli hacker avrebbero utilizzato server dislocati in diverse parti del pianeta. Secondo gli esperti il malware utilizzato presenta molte delle caratteristiche già analizzate in Flame, il famoso malware sfruttato da Stati Uniti e Israele per sabotare diversi sistemi informatici iraniani.
Se le accusse si rivelassero vere, saremmo davanti al primo attacco informatico di un governo occidentale contro un governo ‘amico’. Fino ad oggi, infatti, la cyber-guerra Usa puntava solo contro governi Medio Orientali. Il motivo dell’attacco, secondo L’Expansion, sarebbe da ricercare negli accordi del governo Sarkozy con i paesi del Medio Oriente.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Go Up