Autunno in salsa horror. Da domenica su Rai Due Arriva la serie ispirata a Dieci Piccoli Indiani

di Gialli.it 4 settembre 2009

Conto alla rovescia per la prima italiana di Harper’s Island, la serie televisiva creata da Ari Schlossberg per la CBS. Andrà in onda su Rai Due, ogni domenica (si comincia il 6 settembre) alle 21,50, e ad ogni episodio uno degli ospiti della misteriosa residenza morirà. Vi ricorda qualcosa?

di FRANCESCO DONATI

Dopo il successo americano arriva anche da noi il serial a metà tra Scream e Dieci Piccoli Indiani di Agatha Christie. Un’isola misteriosa, un tragico episodio del passato che tutti vogliono dimenticare, una festa di matrimonio che sembra più un esorcismo, un modo per dimenticare, e poi Lei: la Casa! La casa maledetta, dove il passato ritorna come una vendetta inesorabile.

Gli ingredienti ci sono tutti per decretare il successo delle 13 puntate più attese del nuovo palinsesto televisivo di Rai Due.

Harper’s Island, infatti, si presenta come una serie “chiusa”. Una sola stagione. Tredici episodi, e una carneficina che ricorda il capolavoro della Regina del Delitto. I famosi Dieci Piccoli Indiani che la signora Christie sottotitolò “E poi non rimase più nessuno”.

Anche in questo caso un gruppetto di ignari ospiti viene invitato a trascorrere qualche giorno su un’isola “strana”. Loro sono felici, entusiasti, divertiti. Anche un po’ incuriositi. Su quell’isola, un po’ di anni prima un serial killer fece fuori un’intera famiglia. Sei persone brutalmente ammazzate da un folle che però è finito regolarmente in galera.

E allora perché non tornarci in quel posto? Che male c’è?

La risposta arriva dopo tre minuti dall’inizio dell’episodio pilota, quando un cugino della sposa viene triturato dall’elica della chiatta che sta per traghettare tutti gli ospiti verso il banchetto nuziale. Non si tratta solo di un presagio raccapricciante, è un avvertimento. Comincia la saga di sangue targata Harper’s Island. Da non perdere.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Go Up