Big Foot: una taglia da otto milioni

di Gialli.it 24 novembre 2012

Otto milioni di euro per una prova seria, concreta, indiscutibile dell’esistenza di Big Foot. E’ questa l’ultima sfida lanciata da Spike Tv, il network americano che si occupa di sport e avventura ed è seguito da milioni di spettatori.
L’idea è stata presentata qualche settimana fa. E non è neanche un semplice concorso. Per dare corpo a una delle leggende più amate dagli americani e legata alla mitica creatura sccimmiesca che si aggirerebbe nelle forte dell’America Settentrionale, il noto canale televisivo starebbe organizzando un vero e proprio reality-game. Dieci puntate, nelle quali i ricercatori in gara dovranno fare del loro meglio per dimostrare ciò che finora nessuno ha saputo fare. In palio, il premio più alto mai offerto da una trasmissione televisiva: 10 milioni di dollari.
Il cast è ancora in via di definizione, ma alla selezione starebbero partecipando non solo appassionati di misteri, ma anche zoologi e scienziati attirati dall’ingente somma di denaro. I vari team, in ogni puntata, dovranno presentare i risultati delle loro ricerche ottenuti con i metodi più diversi.

Big Foot, detto anche Sasquatch, Momo o Piedone, è una leggendaria creatura della cui esistenza si favoleggia dagli inizi dell’Ottocento.
Segnalazioni della sua presenza sono arrivate da diverse parti del continente, ma sembra che l’Uomo Scimmia frequenti  soprattutto i due stati americani di Washington e Oregon.
Sul vecchio caro Wiki si legge: “Il Bigfoot dovrebbe essere alto dai 2 ai 2,70 metri (dai 7 ai 9 piedi), con folta peluria scura che varia dal rosso scuro al nero e grandi piedi (da cui il nome) che lascerebbero tracce di 40-46 cm sul terreno. Il Bigfoot è descritto come un grande ominide o primate bipede; il volto è relativamente simile a quello di un uomo. I testimoni dicono che ha dei grandi occhi e una cresta abbassata sulla testa, mentre non si nota traccia di collo: la testa sembra poggiare direttamente sulle spalle. Manca inoltre il muscolo del polpaccio. In base alle descrizioni peserebbe intorno ai duecento chilogrammi”.
Con la ‘molla’ dei dieci milioni di dollari lo troveranno, finalmente? Staremo a vedere. In fondo non è la prima volta che qualcuno offre denaro in cambio di una prova impossibile. Un po’ di anni fa James Randi, arcifamoso illusionista e prestigiatore canadese,  mise in palio un milione di dollari da consegnare cash e senza fattura a chiunque fosse stato capace di mostrare, in condizioni scientificamente controllate e preventivamente concordate fra le parti, un qualsiasi fenomeno paranormale di qualunque tipo, o legato all’occultismo, o alla sfera dei miracoli. Nessuno ha ancora ritirato la posta. C’è stata anche una taglia sul mostro di Lochness, ma come sappiamo bene di Nessie nessuna traccia.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Go Up