“Comprate la mia casa, è piena di fantasmi”

L'annuncio di un'agenzia immobiliare di Sidney

di Ilda Franciosi 30 agosto 2015

Crisi del mercato immobiliare? In Australia hanno trovato la soluzione. Ora le case si vendono promettendo la presenza di un buon numero di fantasmi. E’ la divertente idea di un agente immobiliare di Sidney che ha messo in vendita una palazzina, postando le foto degli spettri che la abitano.

Doveva essere molto disperata l’agenzia immobiliare australiana di Woolloomooloo, la zona portuale di Sidney. In città, ma anche in tutta l’Australia, il mercato immobiliare attraversa una fase molto delicata. I prezzi delle case sono cresciuti del 23 per cento, e la gente preferisce affittare, anzicché acquistare. E allora bisogna farsi venire buone idee.
In passato si diceva che una casa ‘infestata’ fosse difficile da vendere. E la presenza di fantasmi deprezzasse il valore dell’immobile.
Le cose devono essere cambiate, tanto che a Sidney qualcuno ha pensato che fosse molto più facile pubblicizzare una vecchia palazzina, invenduta da anni, attraverso i suoi spetti.
E allora, al posto delle solite foto accattivanti, sul catalogo online di un’agenzia immobiliare della capita del Nuova Galles del Sud, sono finiti alcuni spettri che circolavano tra stanze e corridoi.
Lo slogan pubblicitario non lascia spazio a dubbi: “comprate la Casa dei Fantasmi e potrete postare su Facebook le foto più raccapriccianti mai postate su un Social”.
Quindi la descrizione delle stanze e dei fantasmi che le abitano. Un uomo con la barba che spunta da uno specchio, l’evanescente profilo di una donna che attraversa la camera da letto in pieno giorno, la bambina (tra gli spettri non devono mai mancare i bambini) che scende le scale tutta felice di poter ritornare a scuola dopo, magari, trecento anni.
Il costo è di 550.000 dollari. Due piani, tre stanze da letto con fantasma incorporato e una veranda sul retro “dove però di spettri non se ne sono mai visti”.
La pubblicità ha fatto il giro dell’Australia e la casa è stata visitata da decine di persone in pochi giorni. E pensare che a Napoli, in un palazzo storico notoriamente pieno di spettri, l’amministratore ha deciso di vietare foto e racconti di spettri, perché gli appartamenti si stanno deprezzando inesorabilmente.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Go Up